APERTA LA SCATOLA DELL’INNOVAZIONE

Posted on 01/11/2012

1



A Roma, amministratori, manager, rappresentati dellassociazionismo, ricercatori hanno espresso le loro proposte per unItalia digitale

Si è svolto il 31 ottobre u.s. al Tempio di Adriano di Roma il Forum “Apri la Scatola” promosso dall’Associazione Italia 2020, La Sapienza, Stati Generali dell’Innovazione e Istituto Luigi Sturzo. Il forum ha preso le mosse dalla pubblicazione di due libri: “L’Innovazione integrata. Imprese e amministrazione pubblica: nuovi paradigmi digitali per un progresso sostenibile” di Claudio Cipollini e Nicola Christian Rinaldi (Maggioli editore) e “Città intelligenti? Per una via italiana alle smart cities” di Andrea Granelli (Luca Sossella editore).

Nel corso del Forum, esponenti delle istituzioni, delle imprese, della ricerca e del’associazionismo hanno espresso le loro proposte concrete per la modernizzazione del Paese, per “riempire la scatola” – oggi semi-vuota – dell’innovazione. Sono emersi sei punti chiave.

Uno. La necessità di alfabetizzare le piccole e medie imprese e la Pubblica amministrazione, grazie all’immissione di giovani provenienti da esperienze dirette e solide nel mercato Internet e delle TIC (tecnologie, informatica e comunicazione).

Due. La creazione di un Fondo unico per l’e-Gov per istituzioni e imprese e adozione del project financing per gli interventi di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e per le imprese.

Tre. Il lancio di campagne di promozione e informazione per i piccoli imprenditori, i cittadini e le stesse pubbliche amministrazioni sui vantaggi e i benefici dell’uso del digitale (dal commercio elettronico, all’open data, alla de materializzazione cartacea).

Quattro. La condivisione tra enti pubblici dei programmi e delle risorse (Comuni, Camere di Commercio, Provincie, Regioni e Stato) per essere in modo più efficiente e efficace al servizio dei cittadini e delle imprese.

Cinque. La collaborazione tra imprese, istituzioni pubbliche, ONG e cittadini per ridefinire i campi di intervento, le modalità, ma sopratutto per delinearne le responsabilità individuali e collettive.

Sei. Il lancio di Piani di sviluppo dei progetti e-Gov a carattere decennale, consentendo di capitalizzare sulla ‘long tail’ di tali iniziative, puntando alla loro autosostenibilità finanziaria, dopo il terzo anno di start up ed esercizio sostenuti da fondi pubblici.

I contributi al Forum sono stati portati da Alberto Mattiacci del Dipartimento Comunicazione e Ricerca Sociale di La Sapienza Università di Roma; Marco Annarumi, Confesercenti Roma; Rosario Cerra, Confcommercio Roma; Umberto Croppi, UnaCittà; Vito Lo Russo, Microsoft, BizSpark; Carlo Forcolini, gruppo IED; Alberto Caporale Unioncamere; Paolo Mazzoni, 3M; Paolo Testa, Anci;  Rachele Bonani, Pensa2040; Marco Esposito, Comune di Napoli; Roberto Esposito, ideatore Piattaforma deRev; Giuseppe Iacono, Associazione Stati Generali dell’Innovazione; Annalisa Agnelli, BedigitalNOW!; Pino Aprile, giornalista – scrittore; Ernesto Belisario, Associazione italiana per l’Open Government; Fulvio Caldarelli, Centro Interdisciplinare Ricerca paesaggio contemporaneo; Nicola Colicchi, Osservatorio Non Profit Camera di Commercio di Roma; Fabio Maccione, Associazione Prima Persona; Antonio Naddeo, Ministero per la Pubblica Amministrazione; Giovanni Tria, Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione.

Il presidente della Camera di Commercio di Roma, Giancarlo Cremonesi e Unioncamere con Alberto Caporale hanno dichiarato che, in tal senso, il sistema camerale è attivo da tempo e intende accentuare il proprio impegno nell’innovazione.

Posted in: Notizie